DEM Rockblues Trio

L'Aquila

DEM Rockblues Trio
D E M R o c k b l u e s T r i o Davide Zanini - percussioni afrocubane e voce; Elena D’Ascenzo - voce e chitarre; Marco Zanini - chitarra elettrica e voce. BIOGRAFIA Il progetto nasce a L’Aquila nel gennaio 2012 con l’intenzione di recuperare brani meno conosciuti delle tradizioni rock e blues. Ben presto i DEM, sotto la spinta di un crescente spirito creativo, iniziano a comporre brani originali con testi che spaziano dagli slangs tipici del blues afro-americano ai dialetti italiani del centro-sud passando per “Mama Africa”, e con sonorità che affondano le proprie radici nella tradizione blues, nel rock fine ’60-inizio ‘70, ma anche nella psichedelia. La musica che più di tutte è amata ed ammirata dal trio è quella di artisti come i Led Zeppelin, Nina Simone, Jimi Hendrix, Odetta, i New Trolls, Muddy Waters, Billie Holiday, Janis Joplin, Miriam Makeba, Skip James, Demetrio Stratos, Ivan Graziani, i Jefferson Airplan, Aretha Franklin, Otis Redding. La particolarità del gruppo consiste nell’esprimere, attraverso un organico non convenzionale (voce, percussioni e due chitarre), un sound che, sebbene trovi la sua tipica forma storica nel classico quartetto rock, va oltre questa tradizione, in un ottica di world music, senza escludere a priori nuovi stimoli acustici. I DEM devono la loro originalità anche al tentativo di ricondurre ad una forma musicale coerente la differenza di età, esperienze e sensibilità che intercorre tra i membri della band. Lontano dalla volontà di vedere nell’arte uno sfogo per il fittizio “male di vivere” contemporaneo, il trio, attraverso la sua ricerca, vuole recuperare un senso puro della musica, legato alla capacità di giocare, di divertirsi e di provare le più diverse emozioni. Espressione di questo bisogno è il primo album, autoprodotto nel 2014 e con testi in inglese: AUTUMN LIGHTS. Il secondo lavoro dei DEM, IMPRONTE (Sant’ Biasc’ ta magna’), è in uscita nel 2018. A differenza del primo contiene pezzi in italiano e in dialetto che indagano con ironia e profondità alcuni aspetti socio-politici della realtà umana. Pur mantenendo una forte impronta rockblues, il nuovo album vira sul folk dell’area mediterranea, con un sound asciutto che concede più spazio alla voce femminile.

Componenti: 3



Strumentazione

2 chitarre elettriche,
1 chitarra acustica,
due congas e uno djembè,
3 piatti e un chymes,
3 voci.

Discografia

AUTUMN LIGHTS (2014) IMPRONTE (2018)

Social & Contatti

  • Website
  • Youtube
Tags:

Social Media

Newsletter

Registrati per conoscere le novità di gruppirock.it